Cultor College

 

 

L'autore: Brent Russell Paull è un fotografo professionista di Tulare, in California.

Brent Russell Paull

Ha iniziato come fotografo freelance nel 1980 lavorando per le riviste sulla natura e la fauna selvatica.

Ha gestito uno studio professionale in Utah, per un decennio, prima di tornare alla fotografia naturalistica. Insegna fotografia in 20 città della California, ma scatta ancora professionalmente, oltre a condurre, ogni mese safari fotografici nel West americano. Le sue immagini sono in mostra sul suo sito web, Amwestphoto.com.

 

 

Messa a fuoco Nikon

Le fotocamere Reflex Nikon presentano tre modi di messa a fuoco, singolo (AF-S), continuo (AF-C) e manuale (M). La scelta del modo di messa a fuoco dipende dal tipo di soggetto.

Nikon AF

AF singolo (AF-S)
In questo modo, la fotocamera metterà automaticamente a fuoco il soggetto, quindi bloccherà la messa a fuoco durante la pressione a metà corsa del pulsante di scatto. La fotocamera non aggiornerà la messa a fuoco mentre il pulsante di scatto rimarrà premuto a metà corsa, anche se il soggetto si sposta. Utilizzando le impostazioni predefinite della fotocamera, si può scattare solo quando l'immagine è a fuoco (priorità alla messa a fuoco).

Questo modo è utile principalmente per soggetti fermi come paesaggi o foto in studio.

AF continuo (AF-C)
La fotocamera continuerà a regolare la messa a fuoco durante la pressione a metà corsa del pulsante di scatto. Se il soggetto è in movimento mentre il modo AF è attivo, la fotocamera farà in modo che rimanga a fuoco durante la pressione del pulsante di scatto. Utilizzando le impostazioni predefinite della fotocamera, è possibile scattare le foto indipendentemente dal fatto che siano a fuoco (priorità allo scatto).

Il modo continuo è adatto soprattutto alla fotografia d'azione o di immagini sportive con il soggetto in movimento.

Manuale (M)
Manuale consente al fotografo il controllo completo della messa a fuoco della fotocamera. In questo modo, la fotocamera non effettuerà la messa a fuoco automatica.

Il modo di messa a fuoco manuale è particolarmente utile in condizioni di scarsa luminosità in cui il sistema AF della fotocamera potrebbe avere problemi o quando è necessaria una messa a fuoco precisa come nella fotografia macro.

 

Messa a fuoco Canon

In base al modello, le modalità tra cui scegliere sono:

One-Shot AF: messa a fuoco automatica per uno scatto
AI Servo AF: tracking automatico di un soggetto che si avvicina o si allontana alla velocità di 50 km/h, fino ad un massimo di 8 metri** di distanza
AI Focus AF: per passare automaticamente dalla modalità One-Shot AF a quella AI Servo AF in base al movimento del soggetto, solo su alcuni modelli EOS.

Manuale
Manuale consente al fotografo il controllo completo della messa a fuoco della fotocamera.

 


 

Il pulsante AF-on mette a fuoco un determinato soggetto sul punto selezionato. Ciò che lo differenzia è che se tenuto premuto, alla foto successiva, la mezza pressione del pulsante di scatto non farà nulla e la macchina scatterà con maggiore rapidità in quanto salta la fase di messa a fuoco.

Se, ad esempio, dovessi fotografare una macchina che sbuca da una curva non dovrei far altro che mettere a fuoco il punto che mi interessa con il tasto AF-ON e mantenendolo premuto potrei scattare con maggiore rapidità quando un'altra macchina dovesse uscire da quella stessa curva.

Altro esempio: in condizioni di scarsa luminosità tutti sanno quanto sia difficile mettere a fuoco (per esempio quando le luci si spengono per portare la torta di compleanno al festeggiato). In questo caso cercherei di mettere a fuoco la persona o la "zona" da fotografare con un po' di anticipo, manterrei il pulsante premuto e scatterei la foto al momento opportuno. Tralasciando di utilizzare la raffica, ogni qual volta dovessi premere il pulsante di scatto, la macchina scatterebbe senza tentare un'ulteriore messa a fuoco.

 


 

La fotografia

 

Fotografia

 

dei grandi fotografi

 


 

Cultor coordina il

Global Cultural Network
che riunisce esperti ed istituzioni internazionali
di tutti i continenti.

 


 

Cultor

 


 

Questo articolo e le immagini relative non possono essere copiate o riprodotte, senza il permesso del titolare del copyright.
'This article and associated images may not be copied or reproduced elsewhere without the copyright holders permission'.
Copyright 2012Brent Russell Paull ©




Per grandi ritratti: "scattate" l'occhio - 1


di
Brent Russell Paull

 

 


Stavo conducendo un safari nella Morongo Valley, in California, per fotografare quella che è una vera miniera d'oro di uccelli, canori e rapaci, quando mi è venuto in mente lo spunto per questo articolo.
Avendo lavorato con diversi tipi di uccelli mi sono trovato a commentare la difficoltà di ottenere, e mantenere, il loro occhio perfettamente a fuoco. Alcuni degli uccelli erano in ombra e l'occhio non era illuminato neanche da un riflesso del sole, rendendo quindi più difficile il nostro compito.

Anche se ci sono sempre delle eccezioni (sagome, profili, sfocature artistiche, ecc) noi normalmente "scattiamo agli occhi" dei nostri soggetti, naturalmente se appaiono nell'immagine.

Ma cosa significa "scattare agli occhi" dei nostri soggetti? Se l'immagine è un ritratto, e gli occhi del soggetto sono nell'inquadratura, questi diventano un punto focale dell'immagine. Per prima cosa, infatti, in una foto, si guardano gli occhi: quelli di una sposa, gli occhi di un atleta in gara, gli occhi di un orso grizzly, gli occhi di un gufo.
Se gli occhi non sono nitidi e "taglienti" tendono a svalutare la qualità complessiva dell'immagine, a meno che questa non sia stata scattata chiaramente con altre intenzioni.

 

Concentrarsi sulle impostazioni della fotocamera


Gufo - messa a fuoco AF

 

 

 

Miglioriamo la connessione con il soggetto attraverso la nitidezza e la posizione degli occhi nelle nostre fotografie. Per aiutarci a realizzare questo, nei nostri corpi macchina, ci sono strumenti costruiti appositamente.

 

Le fotocamere digitali moderne e i loro sistemi AF (Auto Focus: messa a fuoco automatica) finemente sintonizzati, possono essere irrequieti (questa è la mia definizione per definirli gentilmente).

 

Siamo stati tutti in situazioni in cui messa la messa a fuoco critica è stata raggiunta solo per essere persa un secondo più tardi, in quanto il sistema AF della fotocamera aveva rivalutato e rifocalizzato ... su qualcos'altro.

Con i soggetti statici sarà d'aiuto non utilizzare la messa a fuoco AI-Servo (Canon) o la messa a fuoco continua (Nikon).

 

 

 

 

 

Poiché adopero la Nikon, userò la loro terminologia:

nel selettore modalità di messa a fuoco sulla parte anteriore della fotocamera selezionate "S" invece di "C" o "M".

Sul retro della fotocamera utilizzate il selettore area AF e scegliete il Punto AF singolo. Questo per non utilizzare la messa a fuoco dinamica (e tutti i 51 punti AF) o Aree di messa a fuoco. Vogliamo che la messa a fuoco sia effettuata una sola volta, su un punto preciso, quando si tocca o il pulsante di scatto o il pulsante AF-ON sul retro della fotocamera.

Personalmente, la mia D3s è impostata sul back-focusing (AF-ON), con il pulsante di scatto che serve solo per catturare l'immagine, non per mettere a fuoco. Purtroppo la maggior parte delle fotocamere consumer non dispongono di un pulsante AF-ON sul retro.

 

Lupo messa a fuoco AFQuesta continua messa a fuoco "nervosa" può creare problemi. Ogni pressione sul pulsante di scatto attiva il sistema AF, aumentando la possibilità che si verifichi uno spostamento del fuoco - a volte così sottile - che non si nota nel mirino. Usando la messa a fuoco solo col pulsante posteriore AF-ON, permette di continuare a scattare immagini senza attivare il sistema AF.

Questo è un vantaggio enorme, una volta che si ottiene il fuoco critico (sugli occhi).

Inoltre si possono effettuare facilmente cambiamenti della composizione senza dover rimettere a fuoco prima dello scatto.

 

Le Modalità Servo e Continua cercheranno di mantenere a fuoco il soggetto, anche quando non stanno attivando un'immagine.

Dal momento che stiamo cercando gli occhi del soggetto, è meglio utilizzare solo un singolo punto di messa a fuoco. Ora, questo può variare tra soggetti della natura e dei soggetti ritratti, ma io uso un solo punto di messa a fuoco - uno solo. Ovviamente, si deve capire quale punto del mirino utilizzare, o in modo che possa essere posizionato esattamente (se possibile) sugli occhi del soggetto. Ora, con una fotocamera a fuoco fisso, che utilizza un solo punto di messa a fuoco, è più facile mantenersi fissi sugli occhi.

 

Ritratti di Fauna

 

L'obiettivo standard per ritrarre la fauna selvatica è la lente f4 - 500 millimetri.

È grande, pesante, ingombrante e costosa, come se acquistaste un'altra auto. Questo obiettivo e il suo potere di ingrandimento 10x sono sia una benedizione che una maledizione.

Mentre può facilmente isolare i nostri soggetti dall'ambiente circostante, la sua profondità di campo è al minimo assoluto. Poiché gli animali selvatici sono soggetti dinamici e non statici, c'è più necessità di utilizzare alcuni degli strumenti (messa a fuoco dinamica e messa a fuoco continua) e quindi far tornare in gioco la nostra stressata AF.

 

messa a fuoco AFDurante un mio recente safari ho cambiato continuamente la messa a fuoco, singola o continua, a seconda delle necessità di avere le corrette opzioni richieste da soggetti diversi.

Ma ci sono stati momenti in cui ho manovrato rapidamente la messa a fuoco manuale di quella grande lente per assicurare la nitidezza degli occhi, con la griglia di messa a fuoco che copriva tutto il soggetto, non solo il suo occhio. Questo sforzo in più può aiutare, ma a volte può portare a scatti mancati.


Molti degli uccellini che stavo ritraendo erano a circa 30 metri di distanza, alcuni erano in ombra. Mentre la D3s ha un'estrema sensibilità anche con ISO alti, lavorare con 400 ISO è sempre meglio che con 800 o più.
Scatto per la qualità, quindi tengo gli ISO quanto più bassi possibile.
Dico questo per dimostrare che esiste una relazione tra gli ISO e la velocità dell'otturatore. Ho bisogno di una velocità alta per fermare il movimento, ma ho anche bisogno di immagini di qualità, allora qual è il punto?

A 30 metri ho circa 2 centimetri di profondità di campo a f4 con la lente 500mm. Con un piccolo uccello avere l'occhio a fuoco è imperativo.

 

messa a fuoco AFHo avuto una situazione interessante a Yellowstone qualche anno fa. Un grande bisonte toro stava nuotando nel fiume Yellowstone verso di me. Mi sono concentrato sulla parte anteriore del suo muso, come il suo naso, ma in questo caso il suo occhio, circa 18 centimetri più indietro sulla testa di grandi dimensioni, sarebbe stato fuori fuoco. Ho dovuto cambiare posizione per ottenere un angolo che mi consentisse di vedere meglio l'occhio del bisonte, spostare il punto di messa a fuoco, senza distogliere lo sguardo dal mirino e scattare mentre l'animale galleggiava nel fiume, per lo più sommerso. L'immagine risultante è stata ottima, ma senza l'occhio a fuoco non ci sarebbe stato alcun collegamento con l'immagine, la lotta personale del bisonte con l'acqua sarebbe andata perduta.

 

Io non sono un birder, io sono un fotografo di uccelli.
Non scatto solo alla gente, sono un fotografo ritrattista.
So che la mia fotografia è migliorata quando mi sono impegnato a realizzare una connessione, nelle mie immagini, tra il visualizzatore o l'acquirente e il soggetto.

Più lavoro per ottenere quell'occhio perfettamente nitido, composto in modo creativo, meglio risulta la mia fotografia.
Quando sto insegnando in un seminario di fotografia sottolineo che siamo in grado di muovere i piedi, cambiare la nostra posizione, adattarci all'ambiente in cui lavoriamo, il tutto con l'obiettivo finale di realizzare immagini più potenti.

 

 

Leggi la seconda parte: il contatto con gli occhi stabilisce una connessione vitale

 

< >