I requisiti per una buona fotografia
Logo Cultor

 

L'autore: Jana Morgan
è nata in Thailandia e per 20 anni ha viaggiato e vissuto intorno al mondo in luoghi come Francia, Bangladesh e Pakistan. Da 4 anni si è stabilita alle Hawaii, dove risiede sulla North Shore di Maui nella pittoresca spiaggia di Paia, con il marito e due cani.

 


Dopo aver studiato fotografia d'arte al Ringling College of Art and Design, ha completato il suo BFA in Graphic Design presso l'Accademia Internazionale di Design e tecnologia.
I lavori di Jana sono stati pubblicati su diverse riviste, in quanto è considerata una delle più brave fotografe specializzate in matrimoni.
Per questo viene chiamata per le celebrazioni più prestigiose negli Stati Uniti, dalla California alla Florida


Quando non è dietro la fotocamera, Jana spende il suo tempo libero nuotando nell'oceano. Ama i mercati dei contadini e cucinare delizioso cibo vegano biologico.
Il suo amore per l'oceano, l'ambiente e gli animali la sta inducendo ad applicare la sua visione artistica verso progetti di conservazione della natura.

 

 

"Amo fotografare matrimoni con colori tenui, dettagli, carattere e valori sentimentali. Lavorare con una varietà di macchine fotografiche e pellicole mi permette di offrire un approccio artistico particolare per catturare i momenti belli della vita".

 

 

 


 

Cultor coordina il

Global Cultural Network
che riunisce esperti ed istituzioni internazionali
di tutti i continenti.


 

La Fotografia
vista e spiegata dai
più importanti
fotografi internazionali

fotocamera

 


L'inchiesta di Cultor
citata dai Musei Vaticani


Aggiornatevi sulle ultime novità
di Cultor
sulla pagina Facebook

Facebook


Sull'argomento leggi anche:

Cosa rende "buona" una foto?
di Andy Wilson


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo articolo e le immagini relative non possono essere copiate o riprodotte, senza il permesso del titolare del copyright.
'This article and associated images may not be copied or reproduced elsewhere without the copyright holders permission'.

© 2013 Jana Morgan

 

10 requisiti
per una buona fotografia

di Jana Morgan

 


La più famosa fotografa delle Hawaii, illustra dieci requisiti per realizzare una buona fotografia. Jana è una delle più autorevoli specialiste in matrimoni negli Stati Uniti, ma i suoi consigli sono validi per qualunque tipo di immagini


Cosa serve per realizzare una buona fotografia?

Per sintetizzare possiamo elencare 10 elementi che rendono grande una fotografia.

 

1. Profondità

È semplice creare profondità quando si ha il pieno controllo della fotocamera in modalità manuale. Usando la profondità inserite nelle immagini un elemento dinamico, comunicando allo spettatore un senso di realtà.

2. Linee

Le linee sono ovunque: alberi, marciapiedi, strade, pali, ecc.
Trovate alcune di queste linee nella vostra location ed incorporatele nelle immagini per inquadrare i soggetti. È possibile utilizzare queste lineee per aiutare a guidare gli occhi dei vostri spettatori diritto iverso ciò che si desidera mettere a fuoco, realizzando così un'immagine molto efficace.

3. Movimento e mosso

Catturare il movimento aiuta a sottolineare l'azione che sta avvenendo in quel momento. È possibile utilizzare la velocità dell'otturatore per congelare un momento, o una velocità di scatto più lenta per mostrare una sfocatura di movimento.

4. Prospettiva

È facile prendere la macchina e scattare dritto verso il soggetto. Prendete in considerazione l'ambiente in cui siete e pensate a un modo diverso, per riprendere il soggetto in questo contesto. Per esempio, se siete in una chiesa, c'è un balcone dove si possano scattare immagini della chiesa per avere una panoramica? Oppure se siete in una location con begli alberi, pensate a una posizione molto bassa, a terra, per riprendere la coppia.

5. Composizione

Mentre componete l'immagine tenete in considerazione la regola dei terzi. La teoria è che se si divide la foto in terzi sia verticalmente che orizzontalmente e inserite i punti di interesse presso i punti di intersezione o lungo le linee, il quadro diventa più equilibrato e piacevole per gli occhi.

6. Illuminazione

Fare qualcosa di inaspettato con l'illuminazione, non usando solo l'illuminazione dritta, diretta. Provare la retroilluminazione per creare sagome, quella di lato, da una finestra con luce naturale, o facendo rimbalzare il flash esterno da una parete, per illuminare il soggetto.

7. Catturare l'imprevisto

Se non insistete a dirigere le persone e a metterle in posa, allora potranno essere naturali. Non si possono rifare situazioni reali, quindi è fondamentale tenersi pronti e all'erta per quei momenti speciali, imparando ad anticipare i movimenti ed i tempi.
È possibile cercare momenti genuini catturando un sorriso vero o risate, lacrime di gioia, o un elemento di shock che si sperimenta se si è sorpresi o in situazioni di particolare commozione. A volte come fotografi, dobbiamo imparare a fare un passo indietro e lasciare che la vera magia accada da sola, senza cercare di orchestrarla, in modo che si possa acquisire la vera natura di chi stiamo fotografando.

8. Le emozioni

L'approccio, in questo caso, è di catturare l'inaspettato, cercate quei momenti veri che sono senza tempo. Cercate le emozioni, i sentimenti di gioia, paura e amore.

9. Effetto sandwich

Posizionare il soggetto tra un primo piano e uno sfondo per creare profondità. In questo caso ci sono svariate possibilità di privilegiare solo il primo piano, il soggetto o lo sfondo, creando effetti particolari.

10. Locazione

Probabilmente quella location è stata scelta perchè ha un particolare significato per i vostri clienti. Quindi cercate di catturare anche l'essenza e le particolarità di quel luogo, incorporandole nelle vostre immagini.