Cultor College

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'autore: Nada Shabout, docente di Educazione Artistica e Storia dell'Arte presso la Scuola di Arti Visive dell'University of North Texas di Denton, è la direttrice del Contemporary Arab and Muslim Cultural Studies Institute (CAMCSI).

 

Nada Shabout


Le sue aree di specializzazione e borse di studio riguardano l'arte araba moderna e contemporanea.
Nel giugno 2003, è entrata a far parte del team umanitario accademico che opera a Baghdad, Iraq, con l'obiettivo della valutazione del patrimonio culturale del paese e l'attuazione di iniziative per il suo mantenimento.
Attualmente sta attivamente promuovendo un progetto per il recupero e la documentazione del moderno patrimonio iracheno e, in particolare, della collezione del Museo iracheno d'Arte Moderna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cultor coordina il

Global Cultural Network
che riunisce esperti ed istituzioni internazionali
di tutti i continenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggete anche:

Islam, l'Estetica mistica
di
Nitin Kumar

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cultor

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo articolo e le immagini relative non possono essere copiate o riprodotte, senza il permesso del titolare del copyright.
'This article and associated images may not be copied or reproduced elsewhere without the copyright holders permission'.
Copyright 2012 Nada M. Shabout ©

 

 




Comprendere l'Estetica Islamica

di Nada Shabout

 

Definizione di Arte Islamica

L'arte islamica è un insieme complesso che sembra comprendere in un corpo monolitico arte e architettura.
Ma lo spettatore attento deve essere consapevole della vasta area geografica e della storia, lunga e variegata, che comprende questo termine e deve anche riconoscere alcuni tratti comuni che giustificano questa divisione superficiale.

 

E' difficile definire le caratteristiche uniche e unificate dell'arte islamica poiché questa tradizione artistica abbraccia molti stili, per un lungo periodo di tempo, così come una vasta area geografica con popolazioni multi-nazionali e multi-religiose.
L'arte islamica non fa soltanto riferimento all'arte religiosa, alle arti dei paesi musulmani, o all'arte realizzata dai musulmani. In termini generali è paragonabile a termini della storia dell'arte come "gotico" o "barocco", nel senso che è un identificatore culturale, ma conserva tuttavia le sue caratteristiche locali e / o regionali.
In realtà, si potrebbe dire che il termine "islamico" corrisponde al termine "occidentale" nella generalità della sua applicazione.

 

Allora cos'è l'arte islamica? In termini più semplici, l'arte islamica è arte che aderisce all'estetica musulmana, a prescindere dalle varie influenze nazionali e geografiche che l'hanno caratterizzata.

Cosa unisce le diverse opere d'arte islamica è il rispetto per l'estetica direttamente legata all'atteggiamento musulmano e alla concezione del mondo indicata dai dogmi della religione dell'Islam.

Di conseguenza, la chiave per capire l'arte islamica è cogliere la formazione della sua estetica.

 

arte islamica

 

Una breve storia

Una comprensione della cronologia è fondamentale per definire le tre fasi di sviluppo dell'arte islamica.

La prima fase è il periodo iniziale di formazione, quando la nozione di arte islamica ha iniziato ad evolversi nelle terre musulmane. Generalmente questa fase iniziale coincide con le conquiste islamiche al di fuori della penisola arabica tra il 634 e il 751, un periodo che è stato accettato come il tempo di sviluppo preliminare di un sistema originale di forme che possono essere identificate come islamiche.

Si tratta del tempo in cui è stato conquistato il nucleo delle terre che, ancora oggi, rimangono musulmane. Anche se queste date si riferiscono principalmente ad eventi politici o militari, divennero simbolo del nuovo status della regione. Il tempo in cui l'arte islamica si è formata in ciascuna delle regioni conquistate è relativo e varia da una provincia all'altra.

 

La seconda fase, a partire dal IX secolo, segna il periodo in cui si è formata l'estetica islamica, venendo ampiamente accettata, crescendo fino a dominare la cultura.
Durante questa fase, l'aspetto legalistico dell'Islam è diventato una preoccupazione in vista della raccolta appena compilata dell'Hadith, che ha portato a divieti più specifici contro le arti. [Per ulteriori informazioni, vedere Papadopoulo, Islam and Muslim Art].
Hadith è un corpo di tradizioni che descrivono la vita del Profeta, che non erano state raccolte con uno status giuridico fino alla metà del IX secolo.
Queste tradizioni sono storie e opinioni in risposta ad episodi specifici e non sono affermazioni generali.
Una rivoluzione estetica produsse arte autenticamente musulmana generata dalla sua essenza autonoma, che raggiunse il suo picco tra il XIII e il XVII secolo.


La terza fase, dalla fine del XVII secolo in poi, è il periodo in cui l'estetica islamica cessò di definire l'arte prodotta nelle terre musulmane, sempre più condizionata dalla crescente influenza europea.

 

Islamic art

Corano, con traduzione in persiano, XII secolo, non firmato. Museo Nazionale dell'Iran, Teheran.

 

Regole iniziali di rappresentazione

Per capire l'estetica islamica, abbiamo bisogno di sfatare l'idea diffusa che ci fosse un divieto religioso di rappresentazione. Su questo tema di ricerca non ho trovato alcuna prova definitiva di tale divieto nel Corano o nella Hadith. Nel Corano, gli unici riferimenti che si trovano in connessione con le immagini sono in passaggi relativi agli idoli adorati dai pagani.

Infatti, il Corano vieta specificamente la realizzazione di idoli e non contiene nulla di più forte della condanna delle immagini che si trova nell'Esodo 20:04 nei vari testi della Bibbia ebraica: "Non farai alcuna immagine scolpita o qualsiasi ritratto di nulla in cielo o che è quaggiù sulla terra o nelle acque o che si trovi sotto la terra".

 

Anche se durante la fase iniziale dell'Islam non c'era nessuna restrizione di rappresentazione, c'era un divieto non scritto contro la raffigurazione degli esseri viventi nelle moschee. Tale divieto sembra essere stato generato in connessione con la distruzione degli idoli nella Kaaba alla Mecca.
In quel contesto storico, il Profeta aveva dichiarato che: "Gli angeli non entreranno in un tempio (Bayt) dove ci sono immagini (tamathil)"; secondo la tradizione, ordinò anche che tutte le immagini fossero distrutte tranne quelle della Vergine Maria e di Gesù. Inoltre non erano permesse nè tollerate immagini con qualsiasi valore religioso.

Il Corano, ad esempio, non è stato illustrato e nei luoghi religiosi non ci sono ritratti dei profeti o dei santi dell'Islam, per timore che diventino oggetti di culto o di preghiera come per le icone cristiane, il che potrebbe essere considerato come politeismo o idolatria. Soprattutto, non c'è mai stata, né potrebbe mai esserci, una rappresentazione di Dio come si trova così spesso nell'arte cristiana.

Per i musulmani, solo Dio esiste veramente eludendo la concezione dalla mente umana, venendo percepito solo come una forza astratta. Quindi non è solo un sacrilegio ma anche veramente illogico ritrarlo in una forma mutuata dalla sua creazione.

 

Fin dall'inizio i musulmani hanno mostrato un atteggiamento di indifferenza piuttosto che di opposizione verso l'arte figurativa. Questo non era causato dalla proibizione religiosa, ma piuttosto dalla necessità storica, provocata dall'impatto delle Arti che hanno incontrato nei territori conquistati, come Bisanzio, Iran, Egitto e Mesopotamia. Senza una loro tradizione artistica, i musulmani d'Arabia avevano una comprensione molto limitata delle possibilità dei simboli visivamente percepibili e dei significati dati alla forma.

Comprendevano le rappresentazioni quando erano identiche all'originale e questo veniva percepito come un inganno. Per l'Islam, le immagini non erano solo una caratteristica importante del cristianesimo, ma anche una delle armi più pericolose in possesso dei cristiani.

 

arte islamica

 

L'arte come espressione della religione, non della cultura


Una nuova cultura islamica si è formata con pensieri ed abitudini identificabili, basati sulla fede senza compromessi nella assolutezza e nell'unicità di Dio. Questo era distinto in modo dinamico dal punto di vista divino dei cristiani. La comunità musulmana ha sottolineato la totalità dell'esistenza e l'integrazione completa del secolare con lo spirituale. Hanno accettato di buon grado tutti gli elementi delle civiltà, culture e tradizioni dei popoli da loro conquistati, fintanto che non erano in diretto contrasto con gli insegnamenti dell'Islam. Tuttavia, al fine di preservare la sua unicità mantenendo l'integrità e le qualità della sua identità, la cultura islamica ha consapevolmente respinto le abitudini e le pratiche delle tradizioni che ha sostituito e di conseguenza ha respinto le rappresentazioni come espressioni culturali.

Al tempo stesso, questa nuova cultura ha compreso la necessità di un'arte tipicamente musulmana che avrebbe potuto tradurre le loro abitudini e il pensiero in forme identificabili visivamente percepibili.

 

L'arte islamica, all'inizio, non è stata il risultato di una creazione di nuove forme o tecniche. Invece ha impiegato e adattato forme, stili e tecniche locali che facevano parte di altre civiltà e le ha integrate, in varie combinazioni, per esprimere i valori e le idee dell'Islam.

La maggior parte degli elementi iniziali del vocabolario artistico islamico sono una continuazione delle tradizioni antiche, con poche eccezioni identificabili, come la calligrafia araba, che divenne una parte significativa dell'arte islamica ed un significativo e importante strumento iconografico ed ornamentale.

 

Nel IX secolo i teologi musulmani svilupparono ulteriori restrizioni all'uso di immagini o rappresentazioni nell'arte. Questi teologi percepivano l'arte come mimesi nel senso aristotelico, come l'imitazione più perfetta possibile della natura. Da qui l'interdizione a qualsiasi rappresentazione di esseri animati in pittura o scultura, che ha provocato un drastico cambiamento nell'estetica.

Tutte le apparenze sensibili della natura, come prospettiva, chiaroscuro e modellazione hanno dovuto essere abbandonate. Questa interdizione è stata una sfida per gli artisti musulmani, che dovevano esplorare nuove vie al fine di creare, nell'ambito delle forme permesse, un universo originale di forme e colori.
Gli artisti musulmani non hanno abbandonato la pittura figurativa, hanno invece trovato un modo per aggirare le interdizioni. Hanno fatto in modo che il loro lavoro non sembrasse "reale". Per abbandonare il principio di imitazione della natura, la miniatura è stata quindi trattata come uno spazio bidimensionale pittorico con forme e colori assemblati in un certo ordine.

Una simile rivoluzione estetica ha trasformato la pittura in un mondo autonomo in tempi più recenti, definito con scopi diversi da artisti del XIX e XX secolo, come Henri Matisse, Maurice Denis o Pablo Picasso.

 

islamic carpet Iran

Tappeto "Seley" Carpet, fine del XVI secolo, probabilmente tessuto ad Herat (attualmente in Afghanistan). Ordito di lana, trama in cotone, lana, nodi asimmetrici.

 

Ai pittori non è permesso competere con Dio


Che cosa è importante nella pittura islamica non è che il soggetto sia rappresentato come appare in natura, ma piuttosto che il cosmo autonomo creato dall'artista, con la sua struttura, la sua lingua e le sue leggi, sia chiaro allo spettatore.
Era proibito rappresentare un particolare individuo con un ritratto. Gli esseri animati sono stati identificati con la vita e l'individualità, non con la forma, quindi si doveva renderne l'idea piuttosto che un concetto o la rappresentazione concreta. Per l'artista islamico, Dio crea la forma di vita, assegnando loro un'individualità senza la quale non può essere viva.
L'artista può riprodurre solo i tratti generali più caratteristici di una persona, senza conferire alla figura qualsivoglia individualità, non avendo così paura di competere con l'atto creativo di Dio.

 

Sia le figure che gli animali venivano dipinti come piatti e bidimensionali, mere astrazioni delle idee che incarnavano. Tutto viene portato in primissimo piano. L'assenza di una terza dimensione simboleggia la realtà della superficie e sottolinea il mondo fantastico della pittura. Invece della prospettiva lineare utilizzata in seguito in occidente per organizzare lo spazio, gli artisti musulmani hanno usato quella che potrebbe essere definita una prospettiva spirituale. Questa prospettiva spirituale è regolata dalle norme del rapporto tra la comprensione dell'eterna esistenza di Dio e l'esistenza transitoria del mondo in generale.
Di conseguenza, gli artisti musulmani possono mostrare l'interno e l'esterno di un edificio allo stesso tempo e non hanno bisogno di conformarsi a tutte le leggi naturali nel loro uso di luci e ombre.


L'arte islamica è un'arte intuitiva che ha come obiettivo la comprensione dell'essenza eterna, fornendo la prova che esistono sia la bellezza che Dio.
E' l'arte della contemplazione delle glorie di Dio.

 

L'obiettivo di questa breve panoramica della storia dell'arte islamica è stato di definire chiaramente e con precisione l'estetica islamica e le specifiche circostanze storiche che hanno portato al suo sviluppo. Questa definizione consentirà una migliore comprensione della totalità delle opere d'arte con etichetta islamica. Soprattutto si nega il mito che la pittura è esclusa dall'arte islamica e che la religione dell'Islam non consenta la rappresentazione figurativa.

 

arte islamica


Bibliografia


Arnold, Thomas W. In Painting In Islam: A Study Of The Place Of Pictorial Art In Muslim Cultur. Con introduzione di B. W. Robinson. New York: Dover Publications, Inc., 1965.

Bahnassi, Afif. Jamaliat al-Arabi al-Fann (Estetica dell'arte araba). Kuwait: Al-Marefat A'laam, 1979.

Blair, Sheila S. and Bloom, Jonathan M. The Art and Architecture of Islam, 1250-1800. New Haven and London: Yale University Press Pelican History of Art, 1994, 1995.

Ettinghausen, Richard. Treasures of Asia: Arab Painting. Cleveland, Ohio: The World Publishing Company, 1962.

"The Man-Made Setting." In The World of Islam: Faith, People, Culture, edited by Bernard Lewis. London: Thames and Hudson, 1976, 57-72.

Grabar, Oleg. The Formation of Islamic Art. Revised and Enlarged Edition. Westford, Mass.: Yale University Press, 1973; The Murray Printing Co., 1987.

Nasr, Seyyed Hossein. Islamic Art and Spirituality. New York: State University of New York Press, 1987.

Okasha, Tharwat. Tarikh al-Fann: al-Tasweer al-Islami al-Dini wa al-Arabi (History of Art: Islamic Representational Art, Religious and Arabic). Beirut, Lebanon: Finiqia Press, 1977.

Papadopoulo, Alexandre. Islam and Muslim Art, trans. by Robert Erich Wolf. New York: Harry N. Abrams, Inc., 1979.

 

arte islamica
Un esempio di moderna arte islamica: un'opera dell'artista saudita Ahmed Mater ispirata dai pellegrini che affollano la Mecca. In realtà è un magnete che attrae migliaia schegge di limatura di ferro.

 


 

< >