La creatività in fotografia: bianco-nero con modella in studio
Logo Cultor

 

L'autore: Nico Socha è un fotografo tedesco.

"Per me, libertà significa essere creativi!"

"Già in tenera età, ho avuto il desiderio di creare qualcosa e questo continua fino ad oggi!
Il centro del mio lavoro è l'essere umano nella sua unicità e con la sua fonte inesauribile di ispirazione".

Dal novembre 2013 Nico insegna Photoshop al SAE Institute di Bochum.
Dal 2014 insegna anche fotografia presso la VHS.

 

 


Cultor coordina il

Global Cultural Network
che riunisce esperti ed istituzioni internazionali
di tutti i continenti.


Cultor
nel
2013


La Fotografia
vista e spiegata dai
più importanti
fotografi internazionali

fotocamera


L'inchiesta di Cultor
citata dai Musei Vaticani


Aggiornatevi sulle ultime novità
di Cultor
sulla pagina Facebook

Facebook


Cultor fa parte di


Saggi di Cultor
sulla composizione artistica
in fotografia
:

Composizione fotografica:
la teoria della Gestalt

di Michael Fulks

Composizione fotografica:
i pesi visivi

di Julie Waterhouse

Composizione fotografica:
rompere le regole!

di Gloria Hopkins

Fotografia: la composizione
di Geoff Lawrence

La Composizione fotografica
di Roie Galitz

Sezione aurea, composizione
e griglie in fotografia

di Dmitry Zhamkov

Composizione ed elementi
di Visual Design in Fotografia

di Robert Berdan


Leggi anche gli studi di Cultor:

Il ritratto dei coniugi Arnolfini
di Jan Van Eyck

Una questione di prospettiva:
Van Gogh e Durer

di Jonathan Lopez

I colori delle Cattedrali
di Claude Monet

a cura di Gabriel Fernandez

Studi Cultor
sul Colore

 


Questo articolo e le immagini relative non possono essere copiate o riprodotte, senza il permesso del titolare del copyright.
'This article and associated images may not be copied or reproduced elsewhere without the copyright holders permission'.

© 2014 Nico Socha

 

di Nico Socha ©


L'autore propone nel dettaglio la realizzazione di un servizio, in studio,
per produrre immagini in bianco-nero di una ballerina. Dalla preparazione, alla disposizione
delle luci, fino alla post produzione, tutto quanto serve a produrre immagini di grande impatto.

Anche se non si effettua il procedimento completo, ognuna delle fasi è ricca di utili suggerimenti.



Giorni fa, ho pubblicato un servizio monocromatico su una ballerina e molte persone mi hanno chiesto come ho fatto a realizzarlo. Così ho deciso di scrivere un breve tutorial diviso in due parti.
Questa è la lista delle attrezzature che ho usato per le riprese.

Hardware:

1 x Sony NEX-7 + Sigma 30mm 2,8
1 x HVL-42 (lampeggiatore per far scattare il flash da studio)
3 x treppiede
3 x Studiostrobes
2 x 60x40cm Softbox
1 x 60-piatto di bellezza (interno bianco)
1 x Photobackground (brillante)

Software:

Adobe Lightroom
Adobe Photoshop

1. Disposizione delle luci

Per un buon contrasto ho scelto questa disposizione: due luci da sinistra (60 × 40 softbox) e destra (60 × 40 softbox) posizionate leggermente dietro al soggetto (nel mio caso a circa 1, 8m di altezza) per creare una bella luce tagliente. Per la luce principale ho scelto un beauty dish e l'ho messo sulla sinistra a circa 2 metri dalla modella e a circa 2,2 metri di altezza. La figura seguente mostra la configurazione che ho usato. Per ora non voglio entrare nei dettagli per quanto riguarda le impostazioni strobo perché dipendono da molti fattori come distanza, joule, dimensione dei softbox ecc.

2. La modella

La configurazione sopra descritta consente di rendere contorni e curve più prominenti e di generare ombre medio/dure. A questo punto è importante avere una modella che abbia la capacità di posizionarsi nella maniera desiderata. Per questi scatti ho scelto una ballerina classica professionista e credo proprio sia stata una buona decisione.

3. Le riprese

Dopo alcuni scatti di prova, ecco le immagini ottenute dalla fotocamera:



Come potete vedere, le sue caratteristiche risaltano bene e questo mi consente di esaltare il contrasto durante la post-elaborazione. Cerco sempre di non sotto o sopra esporre per poter utilizzare le aree scure e luminose nelle immagini.
Questo è un fenomeno noto come ritaglio e in questa foto non c'è nessun ritaglio

4. La post-elaborazione

Il mio flusso di lavoro inizia con Adobe Lightroom, dopo alcune leggere modifiche il risultato è quello che si vede qui sotto. In questo passaggio non vado troppo nel dettaglio, come potete vedere dal posizionamento dei cursori ho aumentato leggermente il contrasto e la chiarezza, alleggerito le ombre e diminuito il valore dei neri.



Qui siamo già molto vicini al risultato finale! Ma ci sono ancora alcuni elementi di disturbo nella foto e non intendo solo il treppiede che spunta sulla destra. Alcune zone dello sfondo risultano un po' ondulate e alcune parti della modella possono essere migliorate.

Tutti i passi successivi sono realizzati con Photoshop e potete seguire l'intero processo cliccando qui sotto:


Consulta la seconda parte: la postproduzione