Cultor College

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'autore: Dong Hong-Oai (1929-2004).

Le fotografie di Don Hong-Oai sono realizzate con una tecnica ed uno stile unici, che si possono definire "pittorialismo asiatico".
Questo metodo di adattare un'arte occidentale agli scopi orientali è nato nel 1940 a Hong Kong.
Uno dei suoi praticanti più noti fu il grande maestro Long Chin-San.
Con la bellezza delicata e i motivi tradizionali della pittura cinese (uccelli, barche, montagne, ecc.) in mente, i fotografi di questa scuola utilizzano più di un negativo per creare un'immagine composita, spesso utilizzando allegorie visuali. Il realismo non è il loro obiettivo.

Don Hong-Oai è stato uno degli ultimi fotografi a lavorare in questo modo e, senza dubbio, il migliore. Ha vinto centinaia di premi delle società di fotografia in tutta l'Asia e delle giurie internazionali di Nikon e Kodak.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Per gli antichi pittori cinesi l'azione di dipingere un paesaggio non avveniva mai all'aperto, di fronte al soggetto da raffigurare. Era invece il frutto di un’immagine mentale, di una riflessione ed elaborazione dell’artista che dopo aver viaggiato e meditato nella natura si ritirava nel suo studio per fissarne l’essenza con pennello ed inchiostro che sono strumenti dell’anima.
“La pittura obbedisce all’inchiostro, l’inchiostro al pennello, il pennello alla mano, la mano al cuore del pittore”
- Shi Tao (1642-1718).

 

Il fotografo, quindi, come il pittore/filosofo, dopo aver raccolto immagini si chiude nella camera oscura e si appresta a comporle in scene idealizzate.

 

 


 

 

 

 

 

 

Cultor coordina il

Global Cultural Network
che riunisce esperti ed istituzioni internazionali
di tutti i continenti.

 

 

 

 


 

 

 

La Fotografia
vista e spiegata dai
più importanti
fotografi internazionali

fotocamera

 

 

 


 

 

 

L'inchiesta di Cultor
citata dai Musei Vaticani

 

 

 


 

 

Aggiornatevi sulle ultime novità
di Cultor
sulla pagina Facebook

Facebook

 

 


 

 

 

Sull'argomento leggi anche:

Fotografare come gli antichi pittori cinesi di paesaggi.
di
George DeWolfe
e Lydia Goetze

 

I paesaggi magici
del fiume Li

di
Yan Zhang

 

 



 

 

Confronti:
i lavori di 16 fotografi contemporanei cinesi

 



 

 

Cultor fa parte di

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo articolo e le immagini relative non possono essere copiate o riprodotte, senza il permesso del titolare del copyright.
'This article and associated images may not be copied or reproduced elsewhere without the copyright holders permission'.
Copyright 2013 © Cultor




Le fotografie di Don Hong-Oai
come antichi dipinti cinesi

 



La vita e le opere di un grande artista che ha saputo usare la fotografia
ispirandosi all'antica tradizione figurativa cinese

 


 

 

cliccare x ingrandire3

 

Floating In Spring, 1990

 

Don Hong-Oai è nato nel 1929 a Guangzhou, nella provincia cinese di Guangdong. Era il più giovane di 24 fratelli e fratellastri; a sette anni, dopo l'improvvisa morte dei suoi genitori, andò a vivere in una comunità cinese a Saigon, in Vietnam. Più tardi, nel corso della sua vita, è tornato occasionalmente a visitare la Cina (soprattutto per fotografarla), ma non vi ha mai abitato nuovamente.

 

Al suo arrivo a Saigon, Don divenne apprendista presso uno studio fotografico gestito da immigrati di etnia cinese. Lì imparò i fondamenti della fotografia, sviluppando una propensione per i paesaggi.
Rimase apprendista per un decennio, effettuando anche altri lavori per sbarcare il lunario. Anche se era disperatamente povero, riuscì a risparmiare 48 dollari per acquistare la sua prima fotocamera. Nel 1950, all'età di 21 anni, iniziò a studiare arte presso l'Università nazionale del Vietnam.

 

Don rimase in Vietnam durante gli anni di guerra, occupando una varietà di posti di lavoro, ma continuando sempre ad occuparsi di fotografia. Nel 1974, verso la fine della guerra, Don accettò un lavoro con uno dei suoi ex insegnanti che si era trasferito in Francia. Purtroppo, il suo principale morì presto, così Don dalla Francia, si trasferì in Malesia, dove lavorò come fotografo per la Croce Rossa.

 

 

Finita la guerra, Don tornò in Vietnam. Tuttavia, nel 1979 una sanguinosa disputa di frontiera, scoppiata tra la repubblica socialista del Vietnam e la repubblica popolare cinese indusse il governo vietnamita ad emanare una serie di leggi repressive per l'etnia cinese che viveva nel paese. A seguito di tali politiche, Don divenne uno dei milioni di "boat people", fuggiti dal Vietnam negli anni settanta e ai primi anni 80.

All'età di 50 anni, senza conoscere nessuno negli Stati Uniti e non parlando una parola d'inglese, Don arrivò a San Francisco.
Con l'aiuto della locale comunità cinese riuscì a trovare un posto per vivere e un'occupazione. Fu anche in grado di organizzare una piccola camera oscura.

Vendendo le stampe delle sue fotografie nelle fiere locali, Don fu in grado di risparmiare abbastanza denaro per tornare in Cina periodicamente e scattare fotografie. La cosa più importante, fu l'opportunità di studiare sotto la tutela di Long-Chin San a Taiwan.

 

Long-Chin-San, che morì nel 1995 all'età di 104 anni, aveva sviluppato uno stile di fotografia basato sulla lunga tradizione delle immagini di paesaggio nell'arte cinese. Per secoli gli artisti cinesi avevano creato paesaggi monocromatici utilizzando semplicemente pennelli ed inchiostro. Questi dipinti non volevano descrivere con precisione la natura, ma interpretare il suo impatto emotivo.

 

 

Durante gli ultimi anni della dinastia Song (960-1279 D.C.) e l'inizio della dinastia Yuan (1279-1368 D.C.) gli artisti avevano cominciato a combinare tre diverse forme d'arte: poesia, calligrafia e pittura... sulla stessa tela. Si pensava che questa sintesi delle forme permettesse all'artista di esprimere più pienamente se stesso.

 

Anche se ci sono molte variazioni sullo stile tradizionale, queste raffigurazioni di solito includono una figura umana impegnata in qualche attività banale in un contesto di bellezza naturale.
Per fornire un senso di proporzione, i dipinti solitamente sono proposti su tre livelli distinti... un primo piano, uno intermedio e uno sfondo distante. La figura umana era, naturalmente, sempre nella parte di primo o medio piano. Lo sfondo distante era spesso sfocato o nebbioso.

Chin Long-San, nato nel 1891, era cresciuto in questa tradizione della pittura classica.

 

Ad un certo punto nella sua lunga carriera ha cominciato a sperimentare i modi di tradurre questo stile impressionistico dell'arte con la fotografia. In linea con l'approccio a più livelli di scala, sviluppò un metodo di stratificazione dei negativi che corrispondeva alla tecnica dei tre livelli di scala. Long ha insegnato il suo metodo a Don che, dal canto suo, per emulare più da vicino lo stile tradizionale cinese, iniziò ad aggiungere calligrafia e il suo timbro.

 

 

Fondamentali per il nuovo lavoro di Don... e per la tecnica insegnatagli da Chin Long-San (basata anch'essa sulla tradizione classica) sono stati i sei principi della pittura di paesaggio, enunciati nel VI secolo da Xie He (noto anche come Hsieh Ho). Il primo e più importante principio è quello della risonanza spirituale, la capacità dell'artista di sentire la vera natura di ciò che sta disegnando... l'umanità deglii esseri umani, la natura degli alberi, la liquidità dell'acqua. È l'unico aspetto di sei principi che non può essere insegnato; gli altri cinque hanno a che fare con la tecnica e l'approccio: il metodo corretto di usare il pennello (o altro mezzo) per ottenere l'effetto desiderato, fedeltà nella rappresentazione della natura della materia, la cura nell'applicazione del tono e del livello, la cura nella disposizione degli elementi compositivi e il giusto rispetto per le esperienze dei maestri del passato attraverso la ripresa dei loro temi..

 

Il nuovo lavoro di Don, modellato sullo stile antico ha cominciato ad attirare l'attenzione della critica negli anni novanta. Ora non doveva più vendere i suoi lavori su piccole bancarelle nelle fiere di strada; ora era rappresentato da un agente e il suo lavoro veniva venduto nelle gallerie in tutti gli Stati Uniti, in Europa e in Asia. Non doveva più fare affidamento sui singoli clienti per vendere le sue fotografie; il suo lavoro non era ricercato solo da privati collezionisti d'arte, ma anche dai compratori corporativi e dai musei. Sulla sessantina, per la prima volta nella sua vita, aveva conseguito un buon livello di successo finanziario.

 

Non tutti i suoi lavori successivi hanno utilizzato la tecnica dei negativi a strati, ma tutti sono rimasti focalizzati sullo spirito dell'arte cinese.
Negli ultimi anni della sua vita Don Hong-Oai ha speso più tempo a realizzare le stampe, nella sua camera oscura nella Chinatown di San Francisco, che a scattare fotografie. Non ha mai imparato a parlare inglese. Morì nel 2004 alla rispettabile età di 75 anni. I suoi resti sono stati cremati, senza nessuna cerimonia commemorativa.

 

 

C'è una sorta di ritmo poetico e giustizia che scandisce il corso della vita e della carriera di Don Hong-Oai. Fu costretto a lasciare la Cina a seguito di una tragedia... la morte dei suoi genitori. È cresciuto più vietnamita che cinese, ma fu costretto a lasciare il Vietnam a causa della sua etnia. Negli Stati Uniti fu in grado di sopravvivere a causa della sua etnia... perché fu protetto e nutrito dalla comunità cinese-americana.

Quando Don iniziò a concentrare il suo lavoro sulle sue radici cinesi, fu preso sotto l'ala di un maestro che aveva raggiunto un'età meravigliosa. Questo maestro gli ha insegnato una vecchia tecnica fotografica basata su antichi principi cinesi. Applicando queste tecniche, Don ha raggiunto un successo che non aveva mai immaginato possibile.

La vita di Don Hong-Oai sembra più un romanzo che realtà e questo appare appropriato per un fotografo il cui lavoro sembra operare più nel campo del mito e della tradizione, piuttosto che nel mondo reale.

3
4
3
4
3
3
4
3
4
3
3
4
3
4

 

 


 

< >