La creatività in fotografia: Come fotografare in inverno secondo Allen Mowery
Logo Cultor

L'autore: Allen Mowery è un fotografo professionista che vive in Pennsylvania, USA.


"Ho amato la storia, ma ho amato ancora di più la documentazione della storia.
Fin dall'infanzia ho metabolizzato innumerevoli immagini che raccontavano le vicende e i fatti quotidiani. Sono rimasto affascinato dalle foto di eventi terribili come l'Olocausto e la guerra.
Le immagini erano reali! Nessuna messa in scena del mondo potrebbe replicare i racconti proposti da quelle immagini.
Questo è quello che sto cercando di realizzare con la mia fotografia, un senso di narrazione realistica, uno scorcio della vita e delle emozioni di altri esseri umani".



Cultor coordina il

Global Cultural Network
che riunisce esperti ed istituzioni internazionali
di tutti i continenti.

Cultor
nel
2013


La Fotografia
vista e spiegata dai
più importanti
fotografi internazionali

fotocamera


Aggiornatevi sulle ultime novità
di Cultor
sulla pagina Facebook

Facebook


Cultor fa parte di


Saggi di Cultor
sulla composizione artistica
in fotografia
:

I segreti per realizzare
ritratti da copertina

di Julia Kuzmenko McKim

La ballerina
monocromatica

di Nico Socha

Composizione fotografica:
la teoria della Gestalt

di Michael Fulks

Composizione fotografica:
i pesi visivi

di Julie Waterhouse

Composizione fotografica:
rompere le regole!

di Gloria Hopkins

Fotografia: la composizione
di Geoff Lawrence

La Composizione fotografica
di Roie Galitz

Sezione aurea, composizione
e griglie in fotografia

di Dmitry Zhamkov

Composizione ed elementi
di Visual Design in Fotografia

di Robert Berdan


Questo articolo e le immagini relative non possono essere copiate o riprodotte, senza il permesso del titolare del copyright.
'This article and associated images may not be copied or reproduced elsewhere without the copyright holders permission'.
© 2014 Allen Mowery

 

La creatività in fotografia:

Come fotografare in inverno
secondo Allen Mowery


L'inverno è un bellissimo periodo dell'anno e offre molte opportunità per i fotografi,
che devono solo superare qualche difficoltà ambientale per realizzare grandi scatti.

In un articolo pubblicato su "DIY PHOTOGRAPHY" il noto fotografo Allen Mowery propone una serie di suggerimenti per affrontare in modo creativo la neve e i rigori del freddo.





Anzitutto qualche consiglio sull'equipaggiamento:

* Vestitevi in modo appropriato e confortevole.
* Non riscaldate la fotocamera: non tenetela sotto il giubbotto, il calore corporeo e l'umidità potrebbero formare condensa sull'obiettivo, una volta esposto al freddo per scattare.
* Conservate le pile al caldo, non dimenticate schede di memoria di riserva.
* Disponete tutta l'attrezzatura in modo facilmente accessibile.

Scattate in Raw

Se la vostra camera lo consente, catturate le immagini in formato RAW. Questo vi darà la massima flessibilità in post-produzione e vi permetterà di risolvere facilmente problemi che sarebbe più difficile (se non impossibile) correggere scattando in JPEG.



Siate consapevoli del vostra impronte

Se siete a piedi sulla neve, tenete presente cosa volete inquadrare. Fate attenzione a non camminare attraverso un'area che pensate di includere in uno scatto... a meno che le impronte siano lo scopo previsto.

Utilizzate la modalità manuale della fotocamera

La neve è luminosa e può essere prepotente per l'esposimetro interno della fotocamera. Utilizzando la fotocamera in modalità AUTO, o anche con priorità diaframma/otturatore si realizzeranno immagini scure, poiché la fotocamera, leggendo tutta la luce riflessa dalla neve, compensa di conseguenza.
Quindi è meglio lavorare in manuale.
Tuttavia... Se si vuole scattare in modalità automatica o in priorità di diaframma/otturatore, si può superare le letture squilibrate della camera:

* regolando la compensazione EV
* o puntando un oggetto scuro e premendo il pulsante di scatto a metà per ottenere una lettura, quindi spostandosi (con otturatore ancora premuto a metà) sull'inquadratura voluta.

In ogni caso, la soluzione migliore è: se avete un esposimetro manuale, usatelo!

Sovraesponete leggermente le immagini per ottenere la neve più bianca

Spesso la neve in una fotografia può tendere al blu o al grigio. Un modo per superare questo problema è di impostare il bilanciamento del bianco personalizzato, utilizzando un cartoncino grigio. Ma questo, in inverno, può risultare scomodo, così, per evitarlo possiamo impostare una compensazione dell’esposizione diminuendo da 1/2 stop a 2 stop. Se le cose si fanno un po' troppo luminose, si potranno regolare in Lightroom o Aperture (o con il proprio programma di editing preferito) più tardi.

Usate l'istogramma!

Non fate affidamento sull'immagine vista sullo schermo LCD! Può essere fuorviante, sia per le sue dimensioni, sia per la luminosità della neve che condiziona la nostra percezione: le immagini sottoesposte possono sembrare luminose, mentre quelle esposte correttamente possono apparire sbiadite.

Consiglio anche di non eliminare subito delle immagini che non vi soddisfano, in base a queste anteprime. Magari rivedendole, sul monitor grande, potrete avere un'idea diversa o trovare il modo di utillizzarle con successo. Usate l'istogramma per determinare quale effettiva esposizione della fotocamera sia migliore. Si può anche utilizzare l'istogramma come una guida per le impostazioni di regolazione, durante le riprese in modalità manuale.

Eliminare i fiocchi di neve che cadono davanti all'obiettivo

A volte, quando si scatta mentre cade la neve, i fiocchi più vicini alla fotocamera hanno la tendenza a mettersi in cammino e sminuire l'immagine. Un modo semplice per eliminare questo problema è montare la fotocamera su un treppiede, diminuire gli ISO, aumentare l'apertura e scattare con un ritardo dell'otturatore. I fiocchi di neve non avranno abbastanza tempo per essere catturati dalla telecamera mentre stanno cadendo, dando così l'illusione che non esistano.

Variate i vostri scatti; non fotografate solo neve

Assicuratevi di includere altri elementi nella vostra fotografia, oltre alla neve. Certo, la carettiristica farinosa della neve è molto allettante, ma ha l'inquietante tendenza a impastare tutta l'immagine, rendendo difficile decifrare le differenze fra le varie tonalità di bianco. Quindi è sempre meglio includere altri elementi nell'inquadratura.

Scaldate la fotocamera lentamente

Questo punto riguarda sempre il problema della condensazione. Il modo migliore per eliminare questa minaccia è quello di tenere la camera nella borsa per un po', una volta arrivati al chiuso, prima di aprirla. Così si adatterà alla temperatura ambiente senza traumi. Se si ha fretta di estrarre la scheda di memoria, è meglio farlo all'esterno, prima di entrare, evitando il rischio di esporre prematuramente la fotocamera all'aria calda.

Ravvivate le immagini

Il bianco intenso dal paesaggio, accoppiato con cielo solitamente nuvoloso e foschia atmosferica, può provocare una grande mancanza di profondità, di colore e una generale confusione ed appiattimento nella foto.
Una correzione semplice si può effettuare in Lightroom e Aperture, aumentando l'intensità del nero nell'immagine. Questo esalterà alcuni dettagli che potrebbero essere stati persi; quindi si può aumentare la saturazione per eliminare quella foschia fastidiosa (vedi esempio sotto).