1 - Spontaneità nell'Arte e nella Cultura
Giapponese: Introduzione


di David e Michiko Young

Questo studio fa parte del manoscritto "Spontaneity in Japanese Art and Culture", risultato di molti anni di studio e di insegnamento. Scritto dal punto di vista antropologico è focalizzato sulla relazione tra Estetica e Cultura in Giappone, non solo dal punto di vista dell'evoluzione di questi concetti, ma pure di quello delle manifestazioni contemporanee come ad esempio l'architettura. Qui viene presentato il contenuto del 1° capitolo che introduce l'argomento con una panoramica storica.


6 - Panoramica della spontaneità
David e Michiko
Young

David Young è nato negli Stati Uniti e ha trascorso la sua infanzia in Sierra Leone, in Africa Occidentale.
Si e' laureato in sociologia e filosofia presso l'Università di Indianapolis, in religione e antropologia all'università di Yale, in Studi asiatici alla East West Center, University of Hawaii, conseguendo il dottorato di ricerca in antropologia presso

la Stanford University.
David ha insegnato antropologia presso l'Università di Alberta in Canada, fino a quando si e' ritirato.

Introduzione

L'estetica è spesso definita come lo studio dei principi della bellezza, soprattutto nell'arte. In senso più ampio, l'estetica si riferisce allo studio di come gli individui utilizzano le informazioni trasmesse ai cinque sensi da qualità come colore, forma, suono, gusto, tatto, olfatto e movimento per interagire con i loro ambienti naturali e sociali. Una buona interazione richiede sensibilità a queste qualità estetiche, nonché una sapiente manipolazione per abbellire l'ambiente circostante e per comunicare con gli altri. Viste in questo modo, le capacità estetiche sono parte integrante della vita quotidiana.

La Cultura giapponese ha da tempo posto l'accento sull'importanza delle competenze estetiche. Anche in epoca preistorica, prima di possedere un sistema di scrittura, i giapponesi producevano ceramiche e forme architettoniche avanzate. Dopo l'introduzione della civiltà continentale, dalla Cina e dalla Corea nel VI secolo, il Giappone è stato capace di combinare influenze indigene e straniere per creare concetti estetici e forme d'arte altamente sofisticate. La sensibilità e la capacità estetica continuano ad essere molto importanti anche nel Giappone moderno.

L'obiettivo di questo libro è quello di fornire una migliore comprensione di alcuni dei principi fondamentali che influenzano la vita estetica del popolo giapponese e che contribuiscono ad integrare la loro arte, cultura e società. I temi fondamentali da esplorare sono: moderazione, esuberanza e spontaneità.

A sinistra: alcuni dei molti tipi di incenso disponibili in Giappone. A destra: in Giappone tutti e cinque i sensi sono associati con cerimonie estetiche. Qui gli autori partecipano con due amici ad una cerimonia di incenso profumato conosciuta come Kodo.
Nel 1999 David Young e si è trasferito in Giappone per continuare l'insegnamento di antropologia alla Kansai Gaidai University. Insieme alla moglie, Michiko, ha condotto molti anni una ricerca sull'estetica giapponese.

Michiko Young è nata in Cina e cresciuta in Giappone. Dopo la laurea in Studi Esteri alla Kyoto University, si trasferì negli Stati Uniti con il marito, e poi in Canada, dove ha lavorato per molti anni agli affari internazionali ufficio presso l'Università di Alberta.

Gli Young ora vivono sull'isola di Vancouver, British Columbia, Canada. Sono co-autori di Introduzione all'Architettura giapponese (Periplo Edizioni, 2004),

The Art of Japanese Architecture - una edizione riveduta di Introduzione alla giapponese Architecture (Tuttle Publishing, 2007) e L'arte del giardino giapponese (Tuttle Publishing, 2005).

Il sito:
Japanese Aesthetic

Questo lavoro
è dedicato a
Helen E. Young

Moderazione ed Esuberanza

Moderazione implica nascondere emozioni e opinioni forti evitando il comportamento che porta l'attenzione su se stessi. Ad esempio, un individuo moderato non si impone in una interazione sociale, parla con voce troppo alta o indossa abiti sgargianti. Inoltre, una persona moderata non agisce rapidamente spinta da un impulso. Al contrario l'esuberanza implica non avere prudenza esprimendo il proprio sé liberamente e apertamente sia con le parole che con i fatti.

In Giappone tradizionalmente, una persona moderata è ritenuta più raffinata ed elegante di una esuberante. La libera espressione di sentimenti, emozioni e idee è stata associata con l'individualismo delle culture occidentali, il tipo di individualismo che opera in contrasto con il funzionamento armonioso del gruppo. Nel Giappone moderno, però, i valori stanno cambiando. Molti giovani sono affascinati dall'individualismo con il suo stile vistoso. Anche nel Giappone tradizionale, tuttavia, ci sono state occasioni, come feste, in cui gli individui sono stati autorizzati a manifestare una maggiore libertà di espressione che in circostanze normali.

Le qualità utilizzate per descrivere le persone moderate ed esuberanti possono anche essere usate per descrivere oggetti d'arte e l'architettura. In altre parole, la moderazione e l'esuberanza hanno una dimensione estetica. La moderazione, come qualità estetica comprende la semplicità della forma, colori dimessi, e sobrietà, come esemplificato dai Grandi Santuari a Ise, da un dipinto di inchiostro nero, o da molti oggetti ordinari della vita domestica. Esuberanza estetica comprende qualità come colori vivaci e disegni audaci, come quelli che possono essere trovati nei mausolei degli shogun Tokugawa a Nikko o display pubblicitari nel centro di un'area urbana di notte.

Sinistra: La tradizione dell'estetica contenuta ha trovato espressione nella semplicità e nell'eleganza del santuario preistorico di Ise. Qui sono mostrati due degli edifici di paglia nel sancta sanctorum. A destra: La tradizione estetica esuberante è esemplificata dalla Porta Yomeimon del Mausoleo Toshogu a Nikko.

Nikkō Tōshō-gū (日光東照宮) santuario shintoista dedicato a Tokugawa Ieyasu, fondatore dello shogunato Tokugawa, ultimo del Giappone. Costruito nel 1617, durante il periodo Edo, mentre il figlio di Ieyasu, Hidetada, era shogun, fu ampliato ai tempi del terzo shogun, Iemitsu. Il santuario è nella città di Nikko nella prefettura di Tochigi nel nord della regione di Kantō sull'isola di Honshū ed è un Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Nel santuario sono anche conservati i resti di Ieyasu.

Il concetto di Yin e Yang ha origine dall'antica filosofia cinese, probabilmente dall'osservazione del giorno che si tramuta in notte e della notte che si tramuta in giorno, è una concezione presente nelle due religioni cinesi: Taoismo e Confucianesimo. I caratteri tradizionali per yin (陰 o 阴, pinyin: yīn) e yang (陽 o 阳 yáng) possono essere separati e tradotti approssimativamente come il lato in ombra della collina (yin) e il lato soleggiato della collina (yang).

Alcune persone sono perplesse per il fatto che una cultura conosciuta per il suo senso sottile e raffinato della bellezza possa aver generato anche il disegno barocco e i colori vivaci dei santuari a Nikko. Si è tentati di pensare che i numerosi esempi di esuberanza estetica che si possono trovare in Giappone sono eccezioni alla regola. Un'analisi più approfondita, tuttavia, rivela che entrambe le tradizioni sobrietà ed esuberanza estetica sono legittime espressioni del gusto giapponese e che entrambi svolgono un ruolo importante in questa cultura. In Giappone la dialettica tra le tradizioni sobria ed esuberante è come il concetto cinese di yin-yang, chiamato in-yo in giapponese. In (rappresentato dalla parte oscura del simbolo ying-yang ) rappresenta il negativo, dolce, femminile, ubbidiente e passivo; yo (rappresentato dal lato luminoso del simbolo) sta per positivo, forte, di sesso maschile, aggressivo e progressivo. Invece di essere antagonisti, in e yo si completano a vicenda e sono in continua interazione. In effetti, in racchiude un po' di yo, e viceversa. Anche se l'analogia non deve essere spinta troppo in là, c'è una corrispondenza tra in e la tradizione estetica moderata, e yo e la tradizione estetica esuberante dall'altro. Proprio come sulla terra si alternano giorno e notte, è comune che in Giappone ci sia un'alternanza tra moderazione ed esuberanza estetica, lungo quello che viene chiamato, in una discussione successiva, come il Continuum Moderazione-Esuberanza. Il rapporto tra le estremità di sobrio ed esuberante di questo continuum è influenzato dalle norme culturali che delineano le circostanze in cui i due valori estetici e di comportamento sono adeguati. La comprensione di queste norme e delle circostanze relative fa luce sulla cultura e l'espressione estetica di questo paese.

A sinistra: tranquillità si esprime nel semplice ordine all'interno di una stanza tradizionale giapponese. A destra: un'area del centro urbano di notte emana un senso di esuberanza e di entusiasmo.

Spontaneità

Un altro tema importante nell'arte e nella cultura giapponese è la spontaneità.
La spontaneità è associata con la riduzione dei vincoli. Ci sono vari tipi di spontaneità: per esempio, di solito è ritenuto opportuno essere in grado, almeno temporaneamente, di mettere da parte i vincoli connessi con la vita pubblica e le responsabilità della carriera. Quando si è soli, o rilassati con familiari o amici intimi, è possibile
"abbassare i capelli" e agire "naturalmente". In un ambiente sociale intimo, c'è poco bisogno di controllare le emozioni e si possono esprimere sentimenti personali, credenze e idee con relativa libertà.

A volte i vincoli da cui ci si vuole liberare sono quelli associati alla routine domestica, piuttosto che alla vita pubblica. Le abitudini della vita domestica hanno i loro vantaggi, come ad esempio quello di fornire un senso di sicurezza, ma possono diventare noiose se non vengono vivacizzate dalla incursioni occasionali di qualcosa di diverso. Peggio ancora, la vita domestica può essere spiacevole se è associata con restrizioni indesiderate, come quelle imposte dalla responsabilità della conduzione famigliare, povertà, da un coniuge scorretto, o da un genitore inflessibile. Sia che le fonti di vincolo si trovino all'interno o all'esterno della casa, un individuo che si sente costretto può cercare esperienze che portino un senso di libertà e spontaneità. Un modo comune per farlo è di perdersi nelle proprie fantasie, in un hobby, uno sport, nell'attività religiosa, o nella creazione artistica. Un altro modo è cercare diversivi nel mondo dello spettacolo o nelle emozioni di una festa. Sembra ragionevole ipotizzare che la maggiore difficoltà nella vita di un individuo, o nella vita di una società, è la ricerca della spontaneità. Questa ipotesi sembra essere sostenuta dall'esempio del Giappone, una società altamente strutturata con numerosi vincoli sul comportamento, è anche una società in cui la ricerca della spontaneità è molto sviluppata.

A sinistra: insegne luminose di un pachinko, dove i partecipanti si perdono nel rumore dei giochi elettronici. Destra: Questa donna sta preparando striscioni luminosi per la Festa della Giornata dei Bambini.
In termini di estetica, la spontaneità, implica una certa libertà dalle regole nella produzione di oggetti d'arte e nelle esibizioni artistiche. Sebbene l'attività artistica possa essere preceduta da anni di intensa formazione, l'artista, l'attore, il musicista o chi agisce spontaneamente è libero di impegnarsi in interpretazioni personali, inventando e sperimentando. La spontaneità è una qualità associata di solito a uno stato interno (un senso di libertà che deriva dalla riduzione dei vincoli), ma è anche una qualità che può essere utilizzata per descrivere gli oggetti, ambienti o eventi esterni. Ad esempio, un giardino giapponese, o una festa, anche se attentamente pianificati, possono produrre una sensazione di spontaneità. In altre parole, la qualità spontanea del giardino o della festa può ispirare una sensazione di spontaneità da parte dell'osservatore o del partecipante.

A sinistra: un giardino tradizionale giapponese include una sensazione di moderata naturalezza e spontaneità. A destra: dipinti di inchiostro nero sono limitati in termini di colore, ma questi crisantemi hanno una tale spontaneità che li fa sembrare in movimento.

Spontaneità nell'Arte e nella Cultura giapponese

1 - Introduzione

2 - Moderazione ed Esuberanza

3 - Il concetto di Shibusa

4 - Spontaneità, azioni ed effetti

5 - Estetica della vita quotidiana

6 - Panoramica della spontaneità

Sembra logico mettere sullo stesso piano la spontaneità estetica con l'estremo della Moderazione nel Continuum Moderazione-Esuberanza, basato sul presupposto che la "moderazione" è più o meno equivalente a "vincolo" e che la spontaneità è associata con l'esuberanza. Prendendo ad esempio l'estetica, la semplicità della forma, l'uso di inchiostro nero, e la formazione disciplinata associata con la pittura Zen sembrano essere associati con la moderazione e la mancanza di spontaneità. Al contrario, i colori esuberanti e la sperimentazione di nuove forme che si trovano in gran parte della moderna arte giapponese sembrano essere più liberi e spontanei. Questa, tuttavia, è una semplificazione eccessiva che può ostacolare seriamente la nostra comprensione dell'estetica e della cultura giapponese. L'eccessiva semplificazione sta nel fatto che, sebbene vi sia un nesso evidente tra l'esuberanza e la spontaneità, la moderazione non può necessariamente essere equiparata alla mancanza di spontaneità. Questo perché in Giappone c'è un sofisticato concetto di estetica, shibusa (la forma aggettivale è Shibui), che introduce la spontaneità nella parte moderata del Continuum Moderazione-Esuberanza, fornendo linee guida che aiutano l'artista nella creazione di oggetti ed eventi che sembrano essere al tempo stesso sobri e spontanei. Molti ritengono che questo livello estetico di "spontaneità trattenuta" rappresenti il massimo grado di gusto estetico.

Per aggiungere ulteriore complessità, è necessario fare una distinzione tra spontaneità apparente, che sia trattenuta o esuberante, e vera spontaneità. La prima, che si ottiene seguendo specifiche linee guida e norme culturali, può essere definita
"la spontaneità dell'effetto", mentre la seconda prevede una relativa libertà di rompere specifiche linee guida e norme culturali. Mentre la spontaneità di effetto, è abbastanza comune, la vera spontaneità è rara. Nelle pagine seguenti, cercheremo di chiarire alcune delle complessità insite nelle relazioni tra moderazione, esuberanza e spontaneità, favorendo così una più profonda comprensione della natura dinamica dell'espressione estetica giapponese sia nell'arte che nella vita quotidiana. In primo luogo, una breve panoramica storica aiuterà a preparare il terreno.

A sinistra: questa tradizionale casa colonica a Shirakawago mostra le qualità rustiche e naturali associate con il concetto di shibusa. A destra: le qualità del rustico e della naturalezza shibusa in questo vaso coreano.
Cronologia della Storia Giapponese


Vaso tombale del primo periodo Yayoi

Quadro storico

Popolazioni diverse sono entrate in Giappone da varie parti dell'Asia, durante il Pleistocene, provenienti da nord, attraverso l'isola di Sakhalin, o dalla Cina attraverso la Corea. Altre ancora sembrano essere arrivate dal sud via mare. Si sa molto poco su queste popolazioni tranne che erano cacciatori e che usavano una grande varietà di utensili sofisticati di pietra. Non c'è niente di questo periodo che possa essere considerato "Arte".

Preistorici

Durante il periodo di Jomon (10000-300 aC), in Giappone apparve la prima ceramica nota al mondo e, verso la fine del periodo, la gente cominciò a sperimentare la coltivazione del riso nell'acqua. Le abitazioni consistevano in semplici case scavate nel terreno, mentre il grano era immagazzinato in strutture elevate poi evolutesi nei primi templi e palazzi. Nel periodo Yayoi (300 aC-300 dC), nuove genti e influenze culturali arrivarono dal continente portando l'agricoltura di irrigazione, la ruota per modellare la ceramica e molti degli altri tratti culturali associati con quello che pensiamo sia la cultura giapponese. E' stato durante questo periodo che la religione indigena si sviluppò in quello che divenne noto come scintoismo.

Protostorico

A partire dalla fine del periodo Yayoi e proseguendo per il periodo dei Tumuli (300 -700 dC), vennero creati tumuli per i capi clan e le altre persone importanti: secoli di conflitti tra clan rivali diedero luogo a uno stato unificato sotto la guida del clan Yamato, antenato dell'attuale casa imperiale. Il Buddhismo fu introdotto in Giappone nel VI secolo proveniente dalla Corea, portando con sé anche un sistema di scrittura. Il periodo tra l'arrivo del buddhismo e la riforma Taika del 645, è noto come il periodo Asuka (538-645), durante il quale il Giappone ha subito grandi trasformazioni, come è avvenuto sotto l'influenza civilizzatrice della cultura continentale.

Il clan Taira (平氏) fu un'importante famiglia discendente dall'Imperatore Kammu. Esercitò un considerevole potere in Giappone durante il periodo Heian.

Lo stemma (mon) a forma di farfalla del clan Taira, noto come Ageha-cho (揚羽蝶, Ageha-cho).

Il clan Minamoto (源氏, Minamoto-uji) fu una famiglia giapponese che rivestì grande importanza durante il periodo Heian e nella prima parte del periodo Kamakura.

Influenza Continentale

Il palazzo imperiale a Heijokyo, patrimonio mondiale UNESCO.

Nel periodo Hakuho (645-710), il Giappone ha istituito un governo centrale e una struttura legislativa basata su quella della dinastia Tang in Cina. La prima vera capitale venne fissata a Fujiwarakyō nel 694 e la cultura continentale si diffuse dalla corte alle province. La capitale nel 710 fu spostata a Heijōkyō, nei pressi della odierna Nara, inaugurando così il periodo Nara (710 -794). Le principali sette buddhiste stabilirono il loro quartier generale nella nuova capitale, dove ebbero grande impulso sia l'arte che l'architettura..

Consolidamento della cultura giapponese

Nel 794 la capitale venne di nuovo spostata, questa volta a Heiankyō (l'odierna Kyoto), dove è rimasta per oltre 1000 anni fino a quando non è stata trasferita a Edo (l'odierna Tokyo) nel 1868, all'epoca della Restaurazione Meiji. Il periodo Heian (794-1185) ha visto per un certo tempo l'influenza della Cina della Dinastia Tang, ma alla fine il contatto con il continente si è ridotto e il Giappone ha cominciato ad assimilare le influenze straniere in una cultura propria.

Feudalesimo decentrato

Alla fine del periodo Heian, una disastrosa guerra tra i clan Taira e Minamoto, che distrusse buona parte di Kyoto, si risolse con la vittoria dei Minamoto. In parte per sfuggire all'influenza della corte imperiale, i Minamoto istituirono un sistema di governo militare conosciuto come il bakufu a Kamakura, vicino all'attuale Tokyo, segnando l'inizio del periodo Kamakura (1185-1333). Il Giappone divenne una società feudale governata dai principi del bushido (la Via del Guerriero). Indebolito dalle invasioni mongole, lo shogunato Kamakura venne sconfitto dalla famiglia Ashikaga, che spostò la capitale militare riportandola a Kyoto, per iniziare il periodo Muromachi (Ashigaka) (1333-1573) che vide l'introduzione del Buddhismo Zen dalla Cina e una grande fioritura di arti di ispirazione Zen come la pittura con inchiostro nero, la calligrafia, gli addobbi floreali, la cerimonia del tè, il dramma Noh, le arti marziali, il giardinaggio e la paesaggistica. La fine dello shogunato Ashikaga fu causata dal suo indebolimento dopo più di un decennio di guerre di clan (guerre di Onin) che distrussero gran parte della capitale. il Giappone è stato riunificato nel periodo Momoyama (1573-1600) da tre grandi capi militari, Oda Nobunaga, Toyotomi Hideyoshi e Tokugawa Ieyasu, inaugurando un lungo periodo del feudalesimo centralizzato.

Gli studi
Cultor sul Giappone

Ukiyo-e: le Immagini fluttuanti

I Samurai: guerrieri e artisti

Il Bushido e la simbologia dei Samurai

Il Credo dei Samurai

I Vessilli dei Samurai

La saga dei 47 Ronin

I 47 Ronin nelle stampe di Kuniyoshi

I 100 cavalieri di Yasaki Inari

I Codici di comportamento dei Clan Arte delle Armi e delle Armature

Gli Stemmi delle famiglie dei Samurai

Storia - Infuenze - Pensiero - Hagakure - Seppuku - Sakura

Presupposti e influenze storiche dell'Arte in Giappone

Shodo: Calligrafia giapponese Zen

Estetica Giapponese

Tokugawa Ieyasu (徳川 家康, ) (1543 –1616) fondo' lo shogunato Tokugawa nel 1603, sebbene governasse già non ufficialmente dal 1600. Il suo governo fini' nel 1605 quando abdicò in favore del figlio Hidetada, ma continuò ad esercitare il potere attraverso il governo del chiostro fino alla morte.

Feudalesimo centralizzato

La famiglia militare Tokugawa spostò la capitale da Kyoto a Edo (l'odierna Tokyo) nel 1600, per iniziare il Periodo Edo (1600-1868), caratterizzato da due secoli e mezzo di relativa pace, prosperità e stabilità. Durante questo periodo, il Giappone era in larga misura isolato dall'occidente e dai progressi tecnologici compiuti in Europa e Nord America. E' stato anche un momento in cui la classe degli uomini d'affari in ascesa sviluppò nuove forme culturali e d'arte come le stampe su blocchi di legno (Ukyio-e) e il teatro kabuki che ebbero grande diffusione tra la gente comune.

Giappone moderno

Come risultato di questo isolamento, il Giappone arretrò rispetto alla tecnologia dell'Occidente facendo temere una minaccia di colonizzazione, in particolare da parte degli Stati Uniti. L'insoddisfazione per le politiche feudali portò alla Restaurazione Meiji del 1868, che abolì lo shogunato e la classe dei samurai e restaurando, almeno in teoria, l'imperatore al potere. Il Giappone divenne una monarchia costituzionale che cominciò a industrializzarsi modernizzandosi il più rapidamente possibile, nel tentativo di allontanare la colonizzazione. Con questi sviluppi crebbe anche il militarismo che alla fine portò alla sconfitta nella Seconda Guerra Mondiale. Sotto l'occupazione alleata, il Giappone si ricostruì rapidamente diventando ben presto una forza economica determinante.